Internazionale

martedì 23 febbraio 2016 aggiornato alle 16.05

Recensioni »

Libri

Stephen L. Macknik, Susana Martinez-Conde, I trucchi della mente. Scienziati e illusionisti a confronto Stephen L. Macknik, Susana Martinez-Conde
I trucchi della mente. Scienziati e illusionisti a confronto
Codice, 269 pagine, 25 euro

La magia inganna e cattura. Scuotiamo la testa increduli quando una moneta sembra sbucare dal nulla, quando la carta giusta è misteriosamente pescata dal mazzo, quando l’assistente del mago scompare sotto i nostri occhi. Ovviamente la magia non esiste, dunque come funziona il trucco? È una domanda a cui neuroscienziati come Stephen Macknik e Susana Martinez-Conde stanno tentando di dare una risposta, inaugurando un nuovo ramo della ricerca cognitiva battezzato “neuromagia”.

I trucchi della mente è una mescolanza avvincente di scienza e magia. Gli autori ci mostrano in che modo la comprensione della miriade di modi in cui il cervello è ingannato dalla magia può risolvere alcuni dei misteri che circondano il funzionamento della mente. I maghi e gli illusionisti usano il potere della nostra mente contro di noi. Quel che vediamo, ascoltiamo e sentiamo è basato su quel che ci aspettiamo di vedere, ascoltare o sentire in base alle nostre esperienze e ai nostri ricordi. Quando queste aspettative sono violate il cervello ci mette più tempo a processare i dati o la nostra attenzione si concentra sulla violazione.

Il successo o il fallimento dei maghi dipende dalla loro abilità di distogliere la nostra attenzione dai loro metodi. I grandi illusionisti, attraverso innumerevoli ore di pratica, manipolano la nostra attenzione, la nostra memoria e le nostre inferenze causali, servendosi di una sconcertante combinazione di metodi visivi, uditivi e tattili. Ma il più grande show di magia che c’è al mondo è quello che ha luogo nel nostro cervello.
Manjit Kumar, New Scientist

Internazionale, numero 963, 24 agosto 2012

Commenti

In copertina

Stipendi da fame

Stipendi da fame

Migliaia di lavoratori statunitensi si battono per l’aumento del salario minimo e il diritto di formare un sindacato. Sfidando le multinazionali dei fast food.

Ultime notizie

Ultimi articoli