Internazionale

martedì 23 febbraio 2016 aggiornato alle 16.05

Unione europea

Il Parlamento approva la nuova Commissione

  • 22 ottobre 2014
  • 14.13


Jean-Claude Juncker, al parlamento di Strasburgo, in Francia, presenta la nuova Commissione. (Christian Hartmann, Reuters/Contrasto)

Con 423 voti a favore, 209 contrari e 67 astensioni, il Parlamento europeo in sessione plenaria ha votato la fiducia alla nuova Commissione europea guidata dal conservatore lussemburghese Jean-Claude Juncker. La Commissione comincerà a esercitare le sue funzioni il 1 novembre 2014, quando prenderà il posto di quella uscente presieduta da José Manuel Barroso.

Il tweet della ministra degli esteri italiana e nuova alta rappresentante per gli affari esteri, Federica Mogherini:

La nuova commissione

Presidente

Jean-Claude Juncker, Lussemburgo

Primi vicepresidenti
Frans Timmermans, responsabile per la sicurezza, Paesi Bassi
Federica Mogherini, alto rappresentante per gli affari esteri, Italia

Vicepresidenti

Bilancio e risorse umane: Kristalina Georgieva, Bulgaria
Mercato digitale: Andrus Ansip, Estonia
Energia: Alenka Bratušek, Slovenia
Sociale: Valdis Dombrovskis, Lettonia
Lavoro, investimenti, competitività: Jyrki Katainen, Finlandia

Commissari

Trasporti e spazio: Maroš Šefčovič, Slovacchia
Economia digitale: Günther Oettinger, Germania
Negoziati per l’allargamento: Johannes Hahn, Austria
Commercio: Cecilia Malmström, Svezia
Cooperazione internazionale e sviluppo: Neven Mimica, Croazia
Clima ed energia: Miguel Arias Cañete, Spagna
Ambiente, politiche marittime e pesca: Karmenu Vella, Malta
Salute e sicurezza alilmentare: Vytenis Andriukaitis, Lituania
Interno e migrazioni: Dimitris Avramopoulos, Grecia
Lavoro e affari sociali e mobilità: Marianne Thyssen, Belgio
Economia e finanze: Pierre Moscovici, Francia
Aiuti umanitari e gestione delle crisi: Christos Stylianides, Cipro
Agricoltura e sviluppo rurale: Phil Hogan, Irlanda
Stabilità finanziaria: Jonathan Hill, Regno Unito
Mercato interno e industria: Elżbieta Bieńkowska, Polonia
Giustizia, consumi e pari opportunità: Vĕra Jourová, Repubblica Ceca
Istruzione, cultura e politiche giovanili: Tibor Navracsics, Ungheria
Politiche regionali: Corina Creţu, Romania
Concorrenza: Margrethe Vestager, Danimarca
Ricerca, scienza e innovazione: Carlos Moedas, Portogallo

Leggi anche

Commenti

In copertina

Stipendi da fame

Stipendi da fame

Migliaia di lavoratori statunitensi si battono per l’aumento del salario minimo e il diritto di formare un sindacato. Sfidando le multinazionali dei fast food.

Ultime notizie

Ultimi articoli