Internazionale

martedì 23 febbraio 2016 aggiornato alle 16.05

Ultime TMNews

Spagna. Catalogna verso nuova manifestazione oceanica pro-indipendenza

  • 10 settembre 2014
  • 21.25

Roma, 10 set. (TMNews) – Galvanizzati dalle notizie su una possibile vittoria indipendentista nel referendum scozzese della prossima settimana, centinaia di migliaia di catalani si preparano a partecipare domani a un’altra manifestazione oceanica per il diritto a una consultazione popolare per l’indipendenza dalla Spagna, che il governo centrale di Madrid ha annunciato di voler bloccare “con ogni mezzo”.

L’obiettivo è quello di formare una enorme “V” su Barcellona, capitale culturale e politica di una regione che si vuole sempre più nazione. I manifestanti si concentreranno così su due assi viari della metropoli catalana, la Avinguda Diagonal e la Gran Via de les Cortes Catalanes, attraversando quasi tutta la città in lunghezza. La “V” allude al “voto” referendario negato da Madrid, ma anche alla “Via Catalana all’indipendenza”, la gigantesca catena umana di un milione e mezzo di persone che l’anno scorso, sempre l’11 settembre, percorse tutta la Catalogna per 400 km, dal confine Sud con la regione di Valencia, a quello Nord con la Francia. Questa manifestazione si è ispirata alla “Via Baltica”, con cui nel 1989 i cittadini di Estonia, Lettonia e Lituania unirono le loro mani in una gigantesca catena umana per rivendicare l’indipendenza dall’Unione Sovietica.

L’11 settembre è la festa nazionale della Catalogna, in cui si commemora la fine dell’indipendenza e l’occupazione di Barcellona da parte delle truppe borboniche al termine della Guerra di successione spagnola, l’11 settembre del 1714. Quest’anno la festa, nota come “Diada”, si carica di ulteriore intensità dato che si tratta del tricentenario: per questo il governo regionale catalano (la “Generalitat”) ha indetto una lunga serie di eventi commemorativi a cui oggi parteciperà anche il suo presidente, il nazionalista di centro-destra Artur Mas.

Incalzato dalla mobilitazione della società civile (l’Assemblea Nazionale Catalana, associazione trasversale indipendentista che da circa quattro anni guida l’impennata dell’indipendentismo e la rivendicazione del diritto all’autodeterminazione), Mas ha deciso lo scorso dicembre di convocare un referendum sull’indipendenza per il prossimo 9 novembre. La mossa si è scontrata però con il divieto di Madrid, che ha già annunciato che bloccherà la consultazione presso le supreme giurisdizioni spagnole, in quanto illegale se priva dell’assenso delle istituzioni centrali dello Stato spagnolo. (segue)

Questa è una notizia dell’agenzia TMNews.

Leggi anche

Commenti

In copertina

Stipendi da fame

Stipendi da fame

Migliaia di lavoratori statunitensi si battono per l’aumento del salario minimo e il diritto di formare un sindacato. Sfidando le multinazionali dei fast food.

Ultime notizie

Ultimi articoli