Internazionale

martedì 23 febbraio 2016 aggiornato alle 16.05

Italia

I quattro nuovi senatori a vita

  • 30 agosto 2013
  • 13.05


Da sinistra: Claudio Abbado, Elena Cattaneo, Renzo Piano, Carlo Rubbia

Claudio Abbado è un direttore d’orchestra italiano, ha 80 anni. È nato a Milano e si è diplomato al conservatorio della città. È stato direttore artistico del Teatro alla Scala, della Staatsoper di Vienna, dei Berliner Philharmoniker e della Lucerne festival orchestra. Dal 2004 è direttore musicale e artistico dell’Orchestra Mozart di Bologna.

Elena Cattaneo è una scienziata italiana, ha 50 anni. Si è laureata in farmacia a Milano. Ha svolto ricerche sulle cellule staminali, prima al Massachusetts institute of technology, negli Stati Uniti, e poi in Italia. Insegna farmacologia all’università di Milano ed è la direttrice del Centro di ricerca sulle cellule staminali della stessa università. Dal 2009 coordina il progetto europeo di ricerca NeuroStemcell.

Renzo Piano è uno dei più famosi architetti italiani, ha 75 anni. È nato a Genova da una famiglia di costruttori e ha studiato al Politecnico di Milano. È diventato famoso nel 1971 per il suo progetto del Centre Georges Pompidou di Parigi. Sono suoi i progetti: Kansai international airport di Osaka, Auditorium Parco della musica di Roma, The New York Times Building a New York, la ricostruzione di Potsdamer Platz a Berlino.

Carlo Rubbia è un fisico italiano, ha 79 anni. Ha vinto il premio Nobel per la fisica nel 1984. È nato a Gorizia, si è laureato alla Normale di Pisa. Ha insegnato ad Harvard e a Pavia. È stato direttore del Cern di Ginevra. Si è occupato dello studio delle particelle elementari e della fissione nucleare. Ha ideato l’esperimento Icarus per lo studio dei neutrini presso i laboratori dell’Istituto nazionale di fisica nucleare del Gran Sasso e collabora con il Gran Sasso science institute.

Le foto sono di G. Anderhub (Lebrecht Music & Arts/Contrasto), Antonio Scattolon (A3/Contrasto), Gonzalo Fuentes (Reuters/Contrasto) e Tania (A3/Contrasto).

Leggi anche

Commenti

In copertina

Stipendi da fame

Stipendi da fame

Migliaia di lavoratori statunitensi si battono per l’aumento del salario minimo e il diritto di formare un sindacato. Sfidando le multinazionali dei fast food.

Ultime notizie

Ultimi articoli