Internazionale

martedì 23 febbraio 2016 aggiornato alle 16.05

Atlante

Un mondo di città

  • 23 gennaio 2014
  • 15.01
  1. Archivio
  2. Precedente
  3. Successivo

All’inizio del diciannovesimo secolo, il nostro pianeta contava un miliardo di esseri umani. All’alba del ventunesimo ne accoglie sette. Questa esplosione demografica, che si sta stabilizzando, è stata accompagnata da un esodo di massa dalle campagne verso le città: la popolazione urbanizzata era il 3 per cento di quella mondiale nel 1800, è arrivata quasi al 50 per cento nel 2000 e nel 2007 è diventata la maggioranza.

All’inizio l’inurbazione è stata un fenomeno tipico dei paesi occidentali, ma oggi si è diffuso anche in quelli che un tempo chiamavamo paesi in via di sviluppo: fra le trenta megalopoli più grandi, 6 si trovano in Europa e in Nordamerica, 4 in Sudamerica, 3 in Africa e 17 in Asia.

La città, scrive la sociologa statunitense Saskia Sassen, “è lo spazio più avanzato dei nostri problemi globali più gravi”: gestione dei conflitti, sviluppo tecnologico, disuguaglianze, controllo dei flussi migratori. Un luogo privilegiato, quindi, per osservare le contraddizioni principali di quel nuovo “assemblaggio” tra sovranità, territorio e diritti che è la globalizzazione.

Mappe di Francesco Gastaldon e Dario Ingiusto

In copertina

Stipendi da fame

Stipendi da fame

Migliaia di lavoratori statunitensi si battono per l’aumento del salario minimo e il diritto di formare un sindacato. Sfidando le multinazionali dei fast food.

Megalopoli del futuro


Fonti: McKinsey Institute, Global cities of the future; Nazioni Unite, World urbanization prospects, the 2011 revision.

Londra: fratture economiche urbane


Fonti: Trust for London e New policy institute, London Poverty’s Profile, londonspovertyprofile.org.uk; Ordnance survey; Openstreetmap

Grandi e vulnerabili: New York e Jakarta


Fonti: Federal emergency management agency (Fema), Fema-Motf-Hurricane Sandy impact analysis, 21 giugno 2013; Nyc Hurricane evacuation, maps.nyc.gov/hurricane; MapPluto (Primary land use tax lot output) database, nyc.gov; Metropolitan transportation authority of New York, Hurricane Sandy recovery service, 1 novembre 2012, The Subway map, consultata il 15 gennaio 2014; The Atlantic cities, The New York subway is back to full service for the first time since Sandy, 31 maggio 2013.

Jakarta: rischio inondazioni per gli slum


Fonti: Fonti: Banca mondiale, “Jakarta, urban challenges in a changing climate”, 2011; Department of land and mapping, Dki Jakarta province, 2000; Ocha; Openstreetmap., 2009.

Per saperne di più
G. De Matteis, C. Lanza, Le città del mondo. Una geografia urbana (UTET Università 2011)
A. Roy, A. Ong (a cura di), Worlding cities: Asian experiments and the art of being global (Wiley-Blackwell 2011)
J. Véron, S. Vicari Haddock, F. Grillenzoni, L’urbanizzazione del mondo (Il Mulino 2008)
P. Newman, A. Thornley, Planning World Cities: Globalization and urban politics (Palgrave Macmillan 2004)
A. Roy, Urban informality: transnational perspectives from the Middle East, Latin America, and South Asia (Lexington Books 2004)
Un Habitat, State of the world’s cities 2012/2013: prosperity of cities (2012)
S. Sassen, Le città nell’economia globale (Il Mulino 2008)

Sitografia

lse.ac.uk/LSECities/home.aspx
urbanobservatory.org/compare/index.html
mckinsey.com/insights/mgi/research/urbanization
web.mit.edu/colab/work-project-urban.html
cohre.org

L’Atlante di Cartografare il presente
Direzione: Raffaele Laudani e Dominique Vidal
Coordinamento cartografico: Cécile Marin
Equipe: Francesco Gastaldon, Dario Ingiusto,
Nieves López Izquierdo, Marianna Pino, Riccardo Pravettoni

Internazionale, numero 1035, 24 gennaio 2014

Leggi anche

Commenti