Internazionale

martedì 23 febbraio 2016 aggiornato alle 16.05

Atlante

Crisi economica

  • 21 marzo 2013
  • 15.49
  1. Archivio
  2. Precedente
  3. Successivo

Il collasso economico e un crescente disagio sociale hanno messo in crisi il progetto neoliberista europeo.

Cominciata negli Stati Uniti nell’estate del 2007, la crisi dei subprime si è progressivamente estesa al mondo intero. All’inizio era una crisi finanziaria, poi è diventata economica, sociale e politica. Ed è soprattutto sul continente europeo che ha prodotto i suoi effetti più brutali: crescita rallentata, esplosione della disoccupazione, sviluppo esponenziale del lavoro precario e interinale, aumento della povertà.

A questa crisi del neoliberismo si è cercato di rispondere con le ricette neo­liberiste dell’austerità. Sembra, infatti, che il debito sia l’unica preoccupazione delle classi dirigenti europee: per ridurlo, hanno promosso pesanti tagli agli investimenti, la contrazione dei salari, delle pensioni e di ogni forma di servizi sociali e un significativo inasprimento fiscale per i settori più svantaggiati della popolazione.

Ma la crisi si è accentuata e intere economie nazionali sono al collasso, mentre il disagio sociale aumenta e rischia di trasformarsi presto in un netto rifiuto popolare del progetto europeista.

Mappe di Nieves López Izquierdo

In copertina

Stipendi da fame

Stipendi da fame

Migliaia di lavoratori statunitensi si battono per l’aumento del salario minimo e il diritto di formare un sindacato. Sfidando le multinazionali dei fast food.

I subprime

Fonte:Fonti: Bloomberg, Banks’ Subprime Losses Top $500 Billion on Writedowns, 2008.

Gli effetti sociali

Fonti: Fondo monetario internazionale, banca dati online (accesso marzo 2013); Banca mondiale, banca dati online (accesso marzo 2013); International labur organization: World of Work Report, 2012; Asian Development Bank, banca dati online (accesso marzo 2013).

Grandi debitori

Fonte: Fondo monetario internazionale, World Economic Outlook, 2012.

Europa in crisi

Fonte: Eurostat, banca dati online; tradingeconomies.com (accesso marzo 2013); European trade union confederation: “14 November 2012, European day of action and solidarity”.

Austerità

Fonte: Fondo monetario internazionale, “World Economic Outlook, 2012”.

Scambio di debiti

Fonte: A. Evans e T. Tse, The Great EU Debt Write Off, Social Science Research Network, 2012.

L’Atlante è un progetto realizzato da Cartografare il presente, laboratorio di ricerca e documentazione sulle trasformazioni geopolitiche del mondo contemporaneo del Dipartimento di storia, culture, civiltà dell’Università di Bologna, con la partecipazione del Grid di Arendal (Norvegia).
Ogni mese Internazionale ospita una mappa sui principali temi dell’attualità politica, economica e sociale per orientarsi nelle trasformazioni del mondo globalizzato.

Per saperne di più
• Paul Krugman, Fuori da questa crisi adesso! (Garzanti 2012)
• Joseph E. Stiglitz, Il prezzo della disuguaglianza. Come la società divisa di oggi minaccia il nostro futuro (Einaudi 2013)
• Nouriel Roubini, Stephen Mihm, La crisi non è finita (Feltrinelli 2010)
• Autori vari, Manifesto degli economisti sgomenti. Capire e superare la crisi (Minimum Fax 2012)
• Luigi Zingales, Manifesto capitalista (Rizzoli 2012)
• McKinsey Global Institute, Financial globalization: retreat or reset? (Marzo 2013)
• Knight Frank Research/Citi Bank, The wealth report 2013
• London School of Economics Report, Europe in an Asian century (Ottobre 2012)
• Martin Raiser e Indermit S. Gill, Golden growth: restoring the lure of European economic model (World Bank 2012)
• Daniel Cohen, The prosperity of vice. A worried view of economics (MIT Press 2012)
• Moshe Adler, Economics for the rest of us (The New Press 2011)
• Emiliano Brancaccio e Marco Passarella, L’austerità è di destra. E sta distruggendo l’Europa (Il Saggiatore 2012)
• David Graeber, Debito. I primi 5.000 anni (Il Saggiatore 2012)

Sitografia
bloomberg.com/billionaires/2013-01-31/aaa
roubini.com
povertyactionlab.org
economist.com/theworldin/2013
thewealthreport.net/economic-trends
sbilanciamoci.info

L’Atlante di Cartografare il presente
Direzione: Raffaele Laudani e Dominique Vidal
Coordinamento cartografico: Cécile Marin
Equipe: Francesco Gastaldon, Dario Ingiusto,
Nieves Lopez Izquierdo, Marianna Pino, Riccardo Pravettoni

Internazionale, numero 992, 22 marzo 2013

Leggi anche

Commenti

Ultimi articoli